Il legno d'acqua: il Larice

Robustezza, resina e frane.

Foto 1Il Larice è un albero appartenente al genere delle conifere.
Può raggiungere i 40 metri di altezza e in autunno perde i suoi tipici aghi colorati.
In zone di montagna sono comuni i “lariceti”, insieme di larici che svolgono un'importantissima funzione per l'ambiente: grazie alle loro spesse radici che rinforzano la solidità del terreno, limitano il rischio di frane.

 

Foto 2Il legno che se ne ricava è di ottima qualità e una volta immerso in acqua diventa resistente e robusto.
Robustezza, da sempre sfruttata: un esempio su tutti è la costruzione con il larice delle antiche baite montane.
Curioso è l'utilizzo terapeutico della sua resina, che fin dal Medioevo, viene usata per alleviare dolori fisici e come disinfettante.

 

Foto 3Dalle porte ai tavoli, dai cancelli alle staccionate, con il larice si possono realizzare diversi prodotti, tra cui, e proprio, per la sua peculiarità di “legno d'acqua”, fioriere da esterno.